Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 8 maggio 2016

Dov'eri ieri sera?

Doveri è un direttore di gara che ricordo per via del suo cognome, in quanto il 23 febbraio del 2014, dopo un Samp-Milan, ci avevo fatto un post giocandoci su ("Arbitro, Dov'eri?"): altrimenti tendo a non ricordare i nomi dei direttori di gara, anche di quelli che mi arbitrano in maniera vomitevole. Non ricordo di aver mai vinto trofei per via di arbitri "distratti" (non lo ricordo perché non è successo), mentre ricordo di aver perso tre coppe tre e una salvezza anche o solo per le stesse "distrazioni", ma non ho mai avuto presidenti padri della patria, grandi imprenditori o coi santi in paradiso, sicché è regolare la cosa, direi. Amaramente regolare.

Ieri in meno di un quarto d'ora, a Bologna, Doveri e i suoi collaboratori non hanno concesso un palese rigore al Bologna e hanno comminato due gialli assurdi a Diawara (che si comporta da stupido, eppure dovrebbe saperlo che per lui il regolamento vale, e alla lettera); risultato, Bologna subito senza un rigore e subito in 10 e il Milan ha fatto meno fatica a restare agganciato al treno Europa, senza il quale quest'anno rischia il solito bagno economico da paura. Gia' che parliamo del Bologna, ricordiamo che nel 2005 retrocesse per via della Marcia Alleanza Juve-Milan-Lazio-Fiore-Arbitri&Palazzo e ancora aspettiamo che il Tar decida sulla richiesta di risarcimento alla Juve di 113 milioni di euro. Lasciando da parte il diritto e tornando ai "doveri", io non insinuo nulla, come dice Donadoni (ex bandiera milanista e oggi allenatore dei felsinei) osservo che Doveri porta fortuna al Milan, esattamente come a me porta fortuna il colore arancione: sono i casi della vita. Al massimo posso dire che tecnicamente non merita la A, come lo penso di alcuni calciatori; ma se chi di "dovere" non sente il "dovere" di giudicarne le prestazioni con occhio sereno e trarne le ovvie conseguenze (tecniche), chi sono io per "dover" dire chi merita o no di arbitrare in A? Io dico solo la mia, ma non conto nulla, notoriamente capisco poco e stamane sono pure brillo.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: