Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

venerdì 13 maggio 2016

Nel tinello puoi

Mi giungono voci indignate di portatori non sani di integralismi religiosi il cui senso potrei così riassumere: Renzi ha detto che non ha giurato sul Vangelo ma sulla Costituzione [che peraltro, aggiungo io, è un peccato, visto che la sta demolendo a badilate] ma un buon cattolico sa comunque che il Vangelo è la sua vita.

Dunque... nulla da dire sul fatto che un buon cattolico debba basarsi sul Vangelo, come un buon ferammenta sarà sicuramente un lettore del manuale aggiornato della brugola. Sul fatto se Renzi possa essere definito un buon cattolico, non saprei, quindi mi astengo. Direi di no solo perchè io non ne ho mai conosciuto uno, di buon cattolico, ma insomma, magari lui lo è. Quel che non mi torna, e che proprio non riesce a trovare rifugio nelle teste di questi integralisti cattobigotti omofobi è che un politico che fa il premier di uno stato laico e civile può anche essere fruttariano ma quando decide di scelte alimentari deve consentire pari diritti a tutti, anche ai mangiabistecche. La religione è un fatto privato, se non riesci a viverla così è meglio se non fai politica: non te lo ordina il dottore. Ti fai prete, oppure fai l'idraulico e non divorzi, vai a messa, non fai ricerca sulle staminali, ma tu, non gli altri, non quelli che in simili amenità, bontà loro, non credono. Nel tuo intimo puoi essere cattolico, puoi uniformare la tua vita al Vangelo, puoi mettere la foto del Papa nel tinello, ma se fai il politico le tue scelte devono essere laiche, umane e non discriminatorie, e garantire pari diritti a tutti, siano essi buddisti, omosessuali o divorziati. Perchè la dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e la costituzione italiana non sono robetta, e perchè tutti gli uomini sono uguali, compresi, ahimé, quelli che pensano queste minchiate.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: