Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

domenica 18 ottobre 2009

Vademecum per cecchini

Io non acquisto Libero, di solito. Posso fare un'eccezione solo quando l'edicolante ha finito la collana Urania di fantascienza e non mi va di comprare Playboy alle otto di mattina. Del resto non acquisto neppure Il Giornale: perchè spendere un euro e più quando posso ascoltare le farneticazioni del Cavaliere direttamente da sei-sette canali televisivi? Non acquisto neppure il Corriere, lo leggicchio al bar: è sufficiente, si tratta di un vascello nel bel mezzo di una tempesta, col capitano che a furia di piegarla si è quasi rotto la schiena. A volte però mi capita di leggerlo, Libero. Oppure leggo qualcuno che ne scrive, come Travaglio su Il Fatto Quotidiano (questo lo leggo, invece) del 15 ottobre 2009.
Lunedì, a firma Renato Farina ("Betulla", e ho detto tutto), campeggiava un bell'editoriale che racchiudeva alcune perle di rara scemenza, quasi un vademecum per cecchini, una guida per teste rasate fascistoidi del cazzo e mi scuso per il termine poco urbano (fascistoidi).

"Per me -scribacchia Farina- uccidere una persona è il delitto peggiore che esista, grida vendetta al cospetto di Dio. E non dovrebbero esistere graduazioni. Ma a lume di buon senso, quanto al danno sociale, siamo sicuri che sia più grave uccidere un omosessuale single che un padre di famiglia?"

Per me impedire a una persona di esprimere la sua opinione, anche se un po' puzzolente e insulsa, è uno dei delitti peggiori che esistano. E non dovrebbero esistere eccezioni. Ma a lume di buon senso, quanto al danno sociale e al semplice buon gusto e buon senso, siamo sicuri che sia giusto permettere a un giornalista radiato di fornire simili consigli su chi, eventualmente, uccidere, e nello stesso tempo impedire a Biagi, Santoro e Luttazzi di svolgere il loro ottimo e apprezzabile lavoro, vedi editto di Sofia?

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail


Nessun commento: