Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

domenica 21 giugno 2009

Il fraintendimento che sta alla base di tutti i mali italiani

Ci sono fatti, inchieste, testimonianze, foto, parziali e involontarie ammissioni. Il fronte delle questioni aperte e' ormai molto ampio e ogni settimana emergono nuovi inquietanti aspetti. Questi gravi fatti sono spesso aggravati da spiegazioni assenti o contraddittorie o inconsistenti, quando non da menzogne. Il fatto che il premier non sia punibile per i voli di stato che trasportano ballerine e musicisti o per aver candidato e poi defenestrato una decina di veline o per la questione delle minorenni a Villa Certosa o delle ragazze di Palazzo Grazioli non attenua minimamente le sue responsabilita' morali e soprattutto politiche. L'Italia non puo' continuare a stare ferma in attesa che venga spiegato l'inspiegabile da un uomo che si auto-assolve sulla base dei voti ottenuti, che non spiega nulla e che non risponde nel merito, punto per punto, alle domande che gli vengono rivolte. Parlare di complotti internazionali e di spazzatura non chiarisce un bel niente, i fatti come si sa sono la cosa piu' ostinata del mondo. Chi mente o cambia discorso si delegittima da solo e anziche' prendersela con la stampa dovrebbe prendersela con se stesso. E' ora che il centrodestra, se intende esercitare il compito di governo che il risultato elettorale gli ha affidato, apra al suo interno, per la prima volta, una reale competizione per una nuova leadership. L'Italia non puo' piu' permettersi, a livello nazionale e internazionale, di mantenere su di se' simili ombre di sospetto ne' tollerare che questi fatti impediscano al governo di governare il paese nel modo più opportuno: Uno deve fare un passo indietro per il bene di Tutti. La politica è un servizio ai cittadini, non un privilegio intoccabile: questo grave fraintendimento è alla base di tutti i mali italiani. Il bene e la dignita' di un paese vengono prima dei fanatismi di parte.
(*)

Leggi l'interessante post di Vittorio Zucconi at:
http://zucconi.blogautore.repubblica.it/2009/06/21/e-ora-mister-president/

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


Nessun commento: