Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 4 gennaio 2009

"Pigliate 'na pastiglia, siente a mme..."

Città del Vaticano — La pillola contraccettiva classica «funziona in molti casi con un vero effetto abortivo», viola «cinque diritti umani» e già che c’è «ha effetti ecologici devastanti», seminando «tonnellate di ormoni nell’ambiente» e contribuendo così all’«infertilità maschile in occidente». Lo sostiene un articolo comparso ieri sull’Osservatore Romano e firmato da Pedro José María Simón Castellví, presidente della «Federazione internazionale delle Associazioni dei medici cattolici». Tesi controverse, considerate con prudenza anche in ambito cattolico, che hanno già provocato la reazione di addetti ai lavori come il professor Gianbenedetto Melis, vice presidente della Società italiana della contraccezione: «Sono affermazioni fantascientifiche ».
(La Repubblica, 4 gennaio 2008)

Sappiamo bene come la pensa la Chiesa Cattolica di Roma sulla contraccezione ("contraddice all’integra verità dell’atto sessuale", Giovanni Paolo II nel '95) e sull'aborto ("distrugge la vita di un essere umano"), visti "molto spesso" come "frutti di una medesima pianta" (stessa fonte). Non vogliamo aggiungere altro, sono opinioni. Ma sulle affermazioni "scientifiche" occorrerebbe un po' di cautela, specie quando si tratta di conclusioni ancora considerate come assolutamente controverse in ambito medico (anche in quello cattolico). Parlare di "effetti ecologici devastanti" è fare un po' di terrorismo, mi pare: andrebbero citate perlomeno anche le tesi di chi confuta queste teorie, per completezza di informazione.

Le opinioni le accettiamo, sebbene sia nostro diritto criticarle, considerarle anti-umane, retrive e foriere di danni incalcolabili; le affermazioni ancora tutte da verificare spacciate per verità dimostrate le rigettiamo e pensiamo che siano l'ennesimo aspetto di un'ingerenza inaccettabile e scorretta di una confessione religiosa nella vita sociale, culturale e politica di uno stato laico. Anche la nostra è un'opinione.

Sta a vedere che la pillola causa pure le stragi del sabato sera o la bassa qualità dei palinsesti tv, si spiegherebbero molte cose.
A quando una rubrichetta sugli effetti devastanti (in termini sanitari e umani) del no al profilattico e della mancanza di un'adeguata e corretta educazione sessuale?

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


1 commento:

Davide ha detto...

C'è da essere rintronati forti a paragonare la pillola contraccettiva con l'aborto! O forse no. Forse stiamo parlando della Chiesa, il cui potere spirituale sta inevitabilmente collassando e per questo un'intera istituzione cerca di aggrapparsi alla dimensione temporale - tutto ciò che si è costruito in terra a suon di soldi e torture.
Perchè il Papa qualche volta non lascia spazio a qualche missionario africano a diretto contatto con la realtà mortale dell'aids? Avrebbe la stessa opinione riguardo l'uso del preservativo?
Come si suol dire, c'è chi ha potere e chi no. Le ideologie, le religioni, le morali, non contano.