Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

venerdì 30 gennaio 2009

Primi passi che sono musica

In tempi di recessione, ha detto il presidente [Obama, presid. Usa] prima di un incontro con il ministro del Tesoro Thimoty Giethner, "i bonus a certi manager di Wall Street sono una vergogna", e occorre "dimostrare disciplina". Ieri le autorità delle Stato di New York hanno precisato che nel 2008 Wall Street ha versato bonus per 18,4 miliardi di dollari, cioè il 44% in meno rispetto all'anno precedente. Nonostante si tratti della flessione maggiore in termini assoluti, l'importo elargito è il sesto mai distribuito. (Repubblica.it, 30.01.2009)

Barack Obama approva il Lilly Ledbetter Fair Pay Act contro la discriminazione sul lavoro, segnando una profonda rottura rispetto all’amministrazione Bush resa ancor più significativa dal fatto che si tratta della prima firma apposta su una legge dal nuovo presidente degli Stati Uniti. «È un giorno meraviglioso», spiega Obama durante la cerimonia nella East Room della Casa Bianca, convinto che fermare la disparità di trattamento economico tra uomini e donne non è solo una conquista per la parità tra i sessi, ma è una vittoria per tutti i lavoratori americani. La legge porta il nome di Lilly Ledbetter, la dipendente di Goodyear Tire & Rubber per anni vittima di un trattamento retributivo discriminatorio tale da causarle perdite per 200 mila dollari sullo stipendio e di altre migliaia di dollari in contributi pensionistici e previdenziali.
(...)
«Questa nonna dell’Alabama ha tenuto duro perché ha pensato alle generazioni future», ribadisce Obama, spiegando che la legge rafforza il rispetto del principio che «tutte le persone sono create uguali» e hanno diritto ad «avere pari opportunità». Il riferimento è ai dati del Census secondo cui le donne ricevono 78 centesimi per ogni dollaro guadagnato da uomini che fanno lo stesso lavoro. (F. Semprini, La Stampa, 30.01.2009)

Primi passi, giusti passi. Non dimentichiamoci della condanna della tortura e delle illuminate parole a proposito di aborto e sperimentazione. Giù un muro dopo l'altro. Magari Obama non le farà tutte giuste (ehi... è un essere umano pure lui!), ma queste notizie, che arrivano a mo' di pillole da oltreoceano, buttano un po' di luce su quest'angolo buio del mondo e risuonano come musica alle orecchie di chi da decenni non vedeva altro che marciume e immobilismo.


Nessun commento: